La Roma quotidiana negli scatti del concorso Acer

Premiati i partecipanti alla quarta edizione de “La finestra sul cortile. Roma nascosta”, l’iniziativa promossa da Fondazione Almagià

Sono stati premiati l’11 aprile 2019 i partecipanti alla quarta edizione del concorso  fotografico: “La finestra sul cortile. Roma nascosta”. “Uno scatto rubato. Un invito a guardare la Roma che amiamo – ha detto la presidente della Fondazione Almagià Charis Goretti – la Roma che va salvata”. Scopo del concorso era raccontare la Roma di tutti i giorni: quella dei cortili e dei gesti quotidiani in rapporto all’ambiente architettonico. All’iniziativa, promossa Fondazione Almagià con il contributo di ACER, Sorgente Group, Cassa Edile di Roma e Provincia, CEFMECTP e Ordine degli Architetti di Roma, hanno partecipato novanta concorrenti. Durante la premiazione è stata esposta una selezione di immagini inviate dai partecipanti, oltre a quelle dei vincitori. Sei i finalisti premiati, due le menzioni speciali e un premio destinato alla categoria under30.

“Anche quest’anno, per il quarto anno consecutivo, l’ACER promuove un concorso fotografico su Roma – ha dichiarato il Presidente ACER Nicolò Rebecchini – per riscoprire la Capitale e valorizzare l’immagine della città, come magari non ci appare quotidianamente. E ogni volta si scopre qualcosa di nuovo. Qualcosa che prima, non avevamo visto”. “Molti fotografi hanno colto il dettaglio, indagando la Roma dei cortili, non tutti con la sfrontatezza necessaria, forse arginati dal rispetto per la riservatezza, ma tutti hanno saggiato in uno scatto la sottile linea che divide l’arte dalla vita”, ha aggiunto Giancarlo Goretti, Presidente onorario della Fondazione Almagià.

Per Elisabetta Maggini, consigliere di amministrazione di Sorgente Group, con delega alle relazioni istituzionali: “E’ un piacere per noi sostenere il concorso promosso dalla Fondazione Almagià, anche in virtù dell’interesse sempre dimostrato da Sorgente Group e dalla sua Fondazione, presieduta da Valter Mainetti, per la tutela di tutte le forme d’Arte. Il concorso vuole premiare il gusto e la capacità di cogliere le diverse sfaccettature della nostra città unica al Mondo, esaltandone la bellezza e la necessità di tutelarne il valore e il patrimonio artistico”.

Convegno: come riqualificare le periferie 4.0

Grazie a un approccio trasversale al problema del degrado delle città, alla Casina Valadier sono state lanciate tante idee su rigenerazione e riuso urbano

Roma, 28 marzo 2019. Anche un tema come le periferie può “riscaldare” una tavola rotonda di professionisti e intellettuali, come avvenuto ieri sera alla Casina Valadier in occasione di “Vitruvio 4.0”, ciclo di 5 eventi organizzati da Mitsubishi Electric sul tema della rigenerazione urbana. Le iniziative, organizzate tra Roma e Milano dal gruppo elettronico giapponese, prendono spunto dal concetto di “utilitas” di Vitruvio per capire come l’architettura contemporanea può seguire i grandi movimenti urbanistici.

Per l’incontro sul futuro delle periferie il dibattito si è acceso tra un imprenditore immobiliare (il past president dell’Ance Paolo Buzzetti), un architetto in incognita (il giornalista Sergio Rizzo del Corriere della Sera), il vertice di Legambiente (il vicepresidente Edoardo Zanchini), un regista (Roberto Faenza), uno scrittore (Gianni Biondillo). A moderare la tavola rotonda c’era l’architetto Leopoldo Freyrie che di rigenerazione si è sempre occupato nella sua carriera: oggi lavora sugli scali ferroviari e siede in diversi consigli e associazioni a tema.

Il dibattito si è acceso, in particolare, sull’opportunità di innovare e migliorare le periferie urbane – una su tutto, quella romana – oppure sull’eventualità di preservarne le relative identità, conquistate in anni di abbandono e grazie a fenomeni sociali spontanei. “Le grandi periferie oggi sono tagliate fuori dai fenomeni recenti come la grande mobilità sociale e i cambiamenti nei trasporti (car sharing, nuove esigenze abitative) – ha esordito Freyrie – ma tendono a peggiorare a causa del sovraffollamento e della crisi economica. Non si possono più ignorare certi segnali, piuttosto occorre perseguire un grande piano organico per riqualificarle”. Sulla stessa lunghezza d’onda Sergio Rizzo: “Roma in particolare rappresenta il tipico esempio di degrado delle periferie, separate e delimitate dal resto della città dal grande raccordo anulare. Manca la capacità di alzare il livello di qualità della vita”. Secondo Rizzo un grande intervento per decongestionare il centro della Capitale, e riportare dignità alle borgate, potrebbe essere concentrare gli uffici pubblici, che oggi ospitano circa 200 mila dipendenti, in una sola vasta sede decentrata.

Due interventi si sono rivelati contrari a ricucire il rapporto tra borgate e centro storico: “Le periferie registrano i fermenti culturali più interessanti, attraggono creatività e arte, presentano un intreccio unico tra borghesia, crimine e nuovi fenomeni culturali da tenere d’occhio” – ha rilevato Roberto Faenza, autore tra l’altro di film come “Il delitto di Via Poma” e “Un giorno questo dolore ti sarà utile”. È stato dello stesso avviso Gianni Biondillo, autore di un libro sulla tangenziale milanese: “Ormai le periferie hanno tradizioni e memorie specifiche, non è giusto che debbano tendere al modello del centro storico. Non esistono più periferie in senso classico perché sono luoghi vivi, ricchi di categorie sociali differenti”.

L’imprenditore Paolo Buzzetti sta spendendo tante energie su Roma con progetti immobiliari ma anche con iniziative istituzionali. Per l’associazione Aspesi Roma, ad esempio, sta costituendo il Laboratorio Permanente Per Roma per coinvolgere manager, imprenditori, professionisti e intellettuali su idee e progetti per il suo rilancio, toccando anche il mondo della cultura e della ricerca. “Quello che manca alla Capitale, in particolare, è una classe politica veramente romana interessata a rilanciare la città. Oggi la stessa amministrazione pubblica sperimenta vere e proprie fughe, gli amministratori più capaci rinunciano a portare avanti il proprio lavoro”. Ma uno dei temi che allontana Roma dalla più moderna ed efficiente Milano, ad esempio, è la discontinuità amministrativa: “I progetti di ampio respiro cadono facilmente appena cambia l’amministrazione capitolina, passano circa dodici anni da quando un imprenditore presenta una proposta a quando iniziano i lavori” – ha proseguito Buzzetti. “Un’altra grave pecca è la scarsa comunicazione con i residenti, che non vengono né informati né tantomeno consultati sul destino del loro quartiere” – ha concluso. Edoardo Zanchini ha sottolineato l’importanza di coinvolgere i cittadini e ha ricordato il valore delle iniziative spontanee nelle periferie: “Ci sono 8 mila persone senza fissa dimora nella nostra città, ma tanti edifici vuoti che potrebbero essere ripensati con canoni calmierati. È ora di riportare la qualità nella vita delle periferie”.